A spasso per la foresta nera sulla strada degli orologi

Per il ponte del 25 aprile abbiamo ben 5 giorni a disposizione e tra le varie mete possibili ce n’è una che ricorre costantemente dalla scorsa estate: l’Europa Park!
Il parco si trova a cavallo tra Alsazia e Foresta Nera, due regioni bellissime e con tantissime cose da fare e da vedere, difficile quindi decidere da quale parte arrivare al parco. Alla fine optiamo per la Foresta Nera, in particolare per una strada che avevo scoperto per caso girovagando qua e là su internet alla ricerca di spunti per i viaggi con Gaspare: la strada degli orologi.
La Germania conta oltre 150 percorsi a tema, dai più famosi come la Romantiche Strasse o la Strada Tedesca delle Fiabe  ai meno noti percorsi che permettono di scoprire le varie regioni da un particolare punto di vista. Personalmente non conoscevo la Strada degli Orologi ma più leggevo e mi informavo su questo itinerario più mi attirava: era proprio la via perfetta per arrivare all’Europa Park.
Al di la’ dei due giorni finali all’Europa Park il programma fatto era abbastanza libero, avevo solo segnato alcune tappe significative: Villingen-Schwenningen, Schiltach ( che non è proprio sulla strada degli orologi ma merita sicuramente una deviazione ), Triberg, Gutach ( questa imperdibile se siete con i bambini, la pista di slittino estivo è stupenda! ) e  Friburgo.
Rispetteremo bene o male tutto ad eccezione di Friburgo che non riusciamo proprio ad inserire dato che meriterebbe almeno una giornata solo per visitarla. Poco male, è un motivo per tornare…
Il nostro viaggio è stato sia bello che rilassante: i panorami lungo la foresta nera sono stupendi, i paesini di case a graticcio meravigliosi (Sciltach su tutti) e veramente belle anche le aree di sosta in cui abbiamo pernottato.
Vi ho incuriosito? Allora non vi resta che leggere il racconto di viaggio 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.