Come nelle favole: l’Alsazia a Natale

Dopo la bella esperienza in Baviera dello scorso anno, quest’anno, complice anche un lungo ponte per l’Immacolata a cui aggiungo anche un paio di giorni di ferie, decidiamo di andare alla scoperta di uno dei posti migliori in cui poter respirare l’atmosfera natalizia: l’Alsazia.
Io e Gianni avevamo già visitato l’Alsazia nell’agosto 2012, con Lorenzo a seguito nel pancione, ma vederla sotto Natale non ha eguali! Una fiaba… non ci sono altre parole con cui descriverla.
Considerato i giorni di festa e il grande afflusso turistico che sicuramente ci sarà nelle località più note come Colmar o Strasburgo studiamo un itinerario che ci porterà in paesi “minori” ma altrettanto stupendi. Come abbiamo poi potuto constatare di persona tutta l’Alsazia in questo periodo è magica quindi non c’è problema di sbagliare destinazione.
Avendo 5 giorni pieni a disposizione optiamo per una soluzione che tanto ci piace e che fa felici grandi e piccoli: 3 giorni di mercatini e 2 giorni di terme/piscina, sfruttando la vicinanza con la Germania che su questo tema offre sempre tantissime opportunità di scelta. L’idea iniziale era quella di andare al Laguna Badeland di Weil am Rhein all’andata e al Badeparadies di Titisee-Neustad al ritorno, ma alla fine andremo per due volte al Laguna Badeland scoprendo in corsa ( per pura fortuna ) che il lunedì lo spazio giochi/scivoli del Badeparadise è chiuso.
I due giorni di relax al Laguna Badeland intervallano i tre splendidi giorni immersi nella magia dell’Alsazia: iniziamo il nostro viaggio da Mulhouse dove oltre al favoloso mercatino visiteremo la Citè du Train, un museo che merita davvero una visita ( e lo dico io che solitamente mi annoio un po’ in caso di musei di auto/moto / treni ) e ci sposteremo poi a Obernai ( dove troveremo anche tanta tanta neve ) , Turckeim e infine nella meravigliosa Eghuiseim.
Tutta l’Alsazia in questo periodo è veramente unica, tutto è splendidamente addobbato, la ricercatezza e la cura con cui vengono decorati edifici, piazze e case è incredibile ed è anche indice del grande amore che gli alsaziani hanno per le loro tradizioni e il loro territorio.
Nel nostro viaggio non abbiamo mai trovato caos, il paese più affollato è stato sicuramente Obernai ma non abbiamo incontrato alcun problema né nel sostare con Gaspare né nel visitare il mercatino.
Senza alcun dubbio l’Alsazia è una meta che mi riservo di riproporre anche per la vacanza “natalizia” del prossimo anno… ma intanto ecco il racconto di questa nostra prima esperienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.