Un assaggio di costa azzurra

Viaggio dal 28 ottobre al 1° novembre 2016 –

 

28 ottobre

Partiamo attorno alle 17:00, l’idea è quella di macinare un po’ di chilometri e fermarci poco prima del confine per la notte, ma saltiamo clamorosamente l’uscita “San Bartlomeo / San Lorenzo al mare”, dove ci sarebbero stati i campeggi che avevamo guardato. Decidiamo di proseguire, con l’idea di cenare in un autogrill prima del confine e poi fermarci in un’area di sosta in terra francese. Purtroppo non siamo fortunati e non solo non troviamo un autogrill per cenare, ma le due aree di sosta in cui proviamo a fermarci sono molto piccole e ormai piene.
Ceniamo alla buona in camper e poi proseguiamo fino ad Antibes dove, dopo aver fatto tutto il giro del capo, decisamente molto molto stanchi ci fermiamo in un parcheggio tranquillo anche se non ufficiale, accanto ad un altro camper già in sosta per la notte.

29 ottobre

Ci svegliamo con uno splendido sole, facciamo colazione e poi ci spostiamo avvicinandoci ad Antibes. wp_20161029_11_16_22_proQualche difficoltà di troppo per trovare un parcheggio ( tra cui un giro all’interno della città vecchia…. sconsigliatissimo col camper ), poi parcheggiamo sul lungomare e iniziamo la nostra passeggiata alla scoperta di Antibes, che si rivela essere una cittadina davvero molto bella. Dopo una prima sosta all’area giochi sul lungomare in Boulevard Leclerc ci dirigiamo verso il mercato provenzale, un mercato coperto in cui i profumi e i sapori sono i padroni di casa. Un po’ di spesa per rifornire il camper, poi pranziamo in una piccola ma graziosa boulangerie che ha dei tavolini proprio alle spalle delle bancarelle. Continuiamo poi la nostra passeggiata e, andando verso il porto, appena valicate le mura, scopriamo un piccolo luna park con una bellissima giostra di macchinine che immediatamente rapisce l’attenzione dei nostri due piccoli compagni di viaggio.

 

Qualche giro di giostra, una passeggiata nel porto a rimirare gli yatch e poi torniamo verso il camper passeggiando in tutta tranquillità per le vie della città vecchia. Non abbiamo una meta per la notte e ci muoviamo cercando un campeggio dove poter sostare. Anceh in quest’occasione non siamo fortunati, siamo in bassa stagione e tutti i campeggi sono chiusi. Giriamo più di un’ora, poi decidiamo di tornare sul lungomare e di pernottare li ( dove non di potrebbe ) , sperando nella tolleranza dei vigili francesi.

30 ottobre

I vigili sono stati buoni ( probabilmente in bassa stagione sono tolleranti data l’impossibilità di pernottare in campeggio ) e ci svegliamo senza multa con un panorama davvero invidiabile: siamo praticamente in spiaggia e davanti a noi c’è Antibes e la sua baia.

Facciamo colazione in un bel barettino a base di croissant, baguette, burro e marmellata, poi tutti in spiaggia a goderci questo clima gradevole e decisamente fuori stagione! E’ quasi incredibile essere praticamente in costume e con i bimbi che giocano sul bagno asciuga ai primi di novembre…

 

Dopo pranzo però ci dobbiamo purtroppo spostare, abbiamo necessità di svuotare almeno la cassettina del bagno e ci serve quindi un campeggio. Scartando a priori la parte francesce, troviamo un piccolo campeggio a Camporosso ( CAMPING HELIOS, http://www.campinghelios.com ). Chiamiamo prima per sicurezza e per fortuna ci dicono di avere ancora un piazzola a disposizione. Il campeggio è piccolo e spartano, sicuramente un po’ datato e con pochi servizi, ma è pulito e tranquillo, e davvero a 50 mt dal mare, quindi perfetto per le nostre esigenze. Ci sistemiamo ed andiamo subito ad esplorare i dintorni, partendo dalla vicina spiaggia: è sicuramente molto meno bella rispetto a quella di Antibes, ma comunque adattissima ai nostri giochi sia di sabbia che di sassi. Passeggiando sul lungomare troviamo anche un piccolo ristorantino che attrae la nostra attenzione, il ristorante Storie di Mare.

 

Se vi capita di passare da queste parte, andateci, noi ne siamo rimasti entusiasti. L’ottima qualità del cibo si accompagna alla cortesia del personale, in più essendo sulla spiaggia anche la location merita davvero una sosta. Noi ci siamo andati entrambe le sere, il pesce è ottimo e Lorenzo ha fatto il bis di trofie al pesto, pulendo il piatto.

 

31 ottobre

Al risveglio il sole ci fa ancora compagnia e il programma della giornata è decisamente facile: spiaggia, pranzo in camper e un po’ di riposo, passeggiata e infine ristorante a chiudere in bellezza.

 

La passeggiata sul lungomare è molto bella, peccato che tutto sia lasciato quasi completamente all’incuria e non per il fatto che sia bassa stagione. Sembra tutto abbandonato da tempo,  molti stabilimenti balneari ci sono edifici in rovina dal lato della strada, non solo sono giustamente chiusi, ma lasciati completamente allo sfascio.
E’ un vero peccato, perché la lunga passeggiata meriterebbe di essere tenuta meglio e sicuramente valorizzata. Noi ne percorriamo un pezzo fermandoci a giocare ad un piccolo parco giochi ben tenuto,
poi tornando verso il camper ci fermiamo nel bar sulla spiaggia che si trova proprio in fondo alla via del campeggio. Ci concediamo un buon aperitivo osservando un bellissimo tramonto, poi torniamo al camper e dopo una doccia calda ci aspetta un’ottima cena e un meritato riposo.

 

1 novembre
Eccoci giunti all’ultimo giorno di questa breve vacanza. Oggi il sole è più velato ma si sta comunque bene, torniamo in spiaggia a giocare, rinnoviamo il rito dell’aperitivo al bar e dopo pranzo salutiamo il mare e ci mettiamo in marci verso casa, con un po’ di nostalgia, ma molto felici per lo splendido weekend lungo trascorso insieme.

I commenti sono chiusi.